Cos’è, che effetti ha sulla nostra salute, come difendersi

Le ondate di calore sono condizioni meteorologiche estreme che si verificano durante la stagione estiva, caratterizzate da temperature elevate al di sopra dei valori usuali, che possono durare giorni o settimane.

L’Organizzazione Mondiale della Meteorologia – WMO, World Meteorological Organization, non ha formulato una definizione standard di ondata di calore. Quest’ultima, infatti, è definita in relazione alle condizioni climatiche di una specifica area e non è quindi possibile definire una temperatura-soglia di rischio valida a tutte le latitudini.

L’area del Mediterraneo è considerata particolarmente rischiosa: in Italia negli ultimi 50 anni le ondate di calore hanno rappresentato, durante l’estate, un pericolo naturale diffuso e insistente, una minaccia soprattutto per la salute di persone deboli e fragili come i malati cronici, gli anziani ed anche bambini e donne in gravidanza.

Colpo di Calore - Blog AbanoMed Abano Terme

Come il nostro corpo si difende dalle ondate di calore

Il corpo umano possiede meccanismi naturali di raffreddamento: l’ipotalamo, una specifica regione del cervello, è la centralina che si occupa di regolare la temperatura del corpo (termoregolazione), normalmente controllata e mantenuta intorno ai 37 gradi centigradi (37°C).

Tale temperatura rappresenta l’equilibrio tra la quantità di calore che il corpo umano produce, con il suo metabolismo e le varie attività, e quella che riesce ad eliminare, ad esempio, attraverso il sudore.

Sudando, il corpo elimina circa il 75% del calore totale; non sempre, però, questi meccanismi funzionano correttamente. Se, ad esempio, l’umidità è molto elevata, il sudore evapora più lentamente e il calore corporeo non viene eliminato come dovrebbe: questo è il motivo per cui il caldo umido è percepito maggiormente rispetto a quello secco.

Se ciò accade, come nel caso delle ondate di calore, la temperatura del corpo aumenta troppo causando, a volte, danni a diversi organi vitali, compreso il cervello.

Colpo di Calore - Blog AbanoMed Abano Terme

Effetti sulla salute e sintomi

Gli effetti sulla salute delle ondate di calore possono essere diversi e più o meno gravi.

Si possono verificare da semplici eruzioni cutanee, forte stanchezza, gonfiore degli arti, fino a colpi di sole, colpi di calore con congestione e disidratazione, svenimento e crampi. Questi ultimi, in genere causati dalla mancanza di sali minerali dovuta alla forte sudorazione.

Il primo sintomo legato al colpo di calore è rappresentato da un improvviso malessere generale, cui seguono mal di testa, nausea, vomito e sensazione di vertigine, fino ad arrivare a stati d’ansia e stati confusionali.
Si può avere perdita di coscienza. La temperatura corporea aumenta rapidamente (in 10-15 minuti) fino anche a 40-41° C, la pressione arteriosa diminuisce repentinamente, la pelle appare secca ed arrossata, perché cessa la sudorazione.

Chi sono i soggetti a rischio maggiore?

Più esposte ai pericoli del caldo sono le persone anziane, in particolare se soffrono di malattie cardiovascolari o respiratorie croniche, ipertensione, insufficienza renale cronica e malattie neurologiche, e quelle non autosufficienti, poiché dipendono dagli altri per regolare l’ambiente in cui si trovano e per l’assunzione di liquidi.
Particolare attenzione va rivolta ai neonati e ai bambini: per la ridotta superficie corporea e la mancanza di una completa autosufficienza, possono essere esposti al rischio di un aumento eccessivo della temperatura corporea e a una disidratazione. Sono soggetti vulnerabili anche le persone ipertese e i cardiopatici, ma anche molte persone sane.

Colpo di Calore - Blog AbanoMed Abano Terme

Come ci si protegge dalle ondate di calore?

La prevenzione degli effetti negativi delle ondate di calore sulla salute è possibile. Alcuni interventi preventivi, infatti, possono ridurre considerevolmente l’impatto di questi fenomeni.

Ecco alcune linee guida:

• evitare di uscire nelle ore più calde, ovvero dalle 11.00 alle 18.00 ed evitare l’esposizione per lunghi periodi al sole
• bere molta acqua (anche in assenza di stimolo della sete), evitare bevande alcoliche e limitare quelle zuccherate e che contengono caffeina
• consumare pasti leggeri, mangiare frutta e verdure fresche, preferire la pasta e il pesce alla carne ed evitare i cibi elaborati e piccanti
• indossare indumenti leggeri (cotone o lino) di colore chiaro; gli abiti in fibre sintetiche impediscono la traspirazione, quindi la dispersione di calore
• coprire il capo e utilizzare gli occhiali da sole; usare creme solari per proteggere la pelle
• regolare i condizionatori ad una temperatura che non si discosti di più di 6-7 gradi rispetto a quella esterna
• programmare i viaggi in auto per evitare di restare a lungo sotto il sole, controllando le condizioni del traffico, evitando le ore più calde e facendo scorta di acqua
• fare bagni e docce d’acqua fredda per ridurre la temperatura corporea
• schermare i vetri delle finestre con persiane, veneziane o tende per evitare il riscaldamento dell’ambiente

Colpo di Calore - Blog AbanoMed Abano Terme

Che cosa fare nel caso di un colpo di calore?

Nel caso in cui si avvertano i sintomi delle ondate di calore, occorre chiamare il proprio medico curante, la guardia medica o i numeri di soccorso sanitario (118).

Nell’attesa:

• distendere la persona in un luogo fresco e ventilato, con le gambe sollevate rispetto al resto del corpo.
• abbassare la temperatura corporea ponendo una borsa di ghiaccio sulla testa e avvolgendo la persona in un lenzuolo o un asciugamano bagnato in acqua fredda
• reidratare con acqua fresca, zucchero e sale
• non somministrare mai bevande alcoliche
• non somministrare mai farmaci per la febbre (come aspirina o tachipirina)

Sul sito del Ministero della Salute ogni anno, nel periodo compreso da maggio a settembre, sono pubblicati bollettini giornalieri che contengono informazioni sullo stato delle temperature nelle diverse città italiane e alcune utili e valide indicazioni sulle cose da fare per difendersi meglio dal caldo, oltre che numerose altre informazioni.

Bollettini delle ondate di calore