Alla scoperta delle nuove frontiere della moderna scienza dell’alimentazione.

La rapida progressione della biologia molecolare ha determinato una vera e propria rivoluzione nella nutrizione umana e in altre scienze mediche.

Questa rivoluzione ha portato alla nascita di una nuova disciplina, la nutrizione molecolare, basata innanzitutto sulla Nutrigenetica e sulla Nutrigenomica.

Nutrigenetica e nutrigenomica rappresentano molto probabilmente le frontiere più affascinanti della moderna scienza dell’alimentazione. Sebbene siano ambiti di studio dotati di una propria identità e fisionomia, la loro essenza è strettamente interconnessa e per certi aspetti complementare.

La Nutrigenetica si propone di indagare quanto il genotipo di un individuo possa influire sulla dieta; è in sostanza la scienza che studia il rapporto fra genoma e dieta.

La Nutrigenomica, invece, è l’altra faccia della medaglia: studia cioè il modo in cui ognuno di noi, che ha un DNA diverso dagli altri, reagisce alle molecole presenti nei cibi, ossia come la dieta possa influenzare la trascrizione genetica, l’espressione proteica ed il metabolismo.

In pratica da un lato i geni sono importanti nel determinare una funzione, ma dall’altro la nutrizione è altrettanto abile nel modificare il grado di espressione genica e quindi nel condizionare la lettura dell’informazione contenuta nel proprio DNA. Ciò che mangiamo influenza il DNA e la salute, persino nei nascituri.

Nutrigenetica e Nutrigenomica - Blog AbanoMed Abano Terme

Nutrigenetica e nutrigenomica sono discipline giovani e guardano al futuro con speranza. Il desiderio comune è migliorare lo stato di salute di tutti, ma nel rispetto dell’unicità di ogni individuo, affiancando ad una prevenzione mirata una terapia altrettanto in linea con le caratteristiche personali.

Sempre più, infatti, la medicina si muove nel solco della personalizzazione, consapevole del fatto che ognuno di noi, da entità irripetibile qual è, trae beneficio da cure, trattamenti e pratiche cuciti su misura.

E se si parla di personalizzazione non può non essere tirato in causa il cibo, uno dei più potenti fattori ambientali capaci di modulare il nostro stato di salute. È infatti assodato che l’interazione di ciò che mangiamo con i nostri geni si ripercuote sul benessere.

Nella Nutrigenomica i nutrienti sono visti come segnali che dicono all’organismo come comportarsi. Le cellule di quest’ultimo rispondono a questi segnali, modificando l’espressione dei geni, che condiziona una differente sintesi proteica e quindi lo stesso metabolismo.

Da una parte si ha quindi la costituzione primaria rappresentata dall’informazione contenuta all’interno del proprio DNA (= genotipo), dall’altra si attua una interazione attiva e passiva con l’ambiente (stile di vita, nutrizione, abitudini voluttuarie, stress, etc.), che porta all’espressione finale delle proprie personali e peculiari caratteristiche (= fenotipo).

Il nostro patrimonio genetico (o genoma) è formato da oltre 30.000 geni: ogni gene rappresenta un piccolo segmento di DNA in grado di fornire istruzione dettagliate al nostro corpo per sintetizzare precise molecole proteiche. Il DNA, dunque, è una sorta di grande alfabeto: è la corretta sequenza di lettere contenute nei geni che permette di comporre le giuste parole.

Ognuno di noi condivide con gli altri il 99,9% del proprio genoma; in altre parole, significa che il 99,9% del DNA è identico in tutti gli esseri umani. Le nostre differenze interindividuali, per quanto possano apparire profonde, sono riconducibili solo allo 0,1% di tutti i nostri geni. Basta davvero poco a renderci unici!

Nutrigenetica e Nutrigenomica - Blog AbanoMed Abano Terme

Sebbene il patrimonio genetico di ogni persona sia immodificabile, l’ambiente circostante non è inerme, ma condiziona e modula la cosiddetta espressione genica. Cioè, l’ambiente in cui viviamo interagisce con i nostri geni e dalla natura di questa interazione dipendono molti aspetti della nostra vita (e anche della nostra salute).

Fattori ambientali quali nutrienti, attività fisica, inquinamento e farmaci possono fungere da interruttori dei nostri geni, attivandoli o spegnendoli, promuovendo, ad esempio, l’invecchiamento cellulare o il manifestarsi di certe patologie.

Ma oltre a ciò dobbiamo considerare che la variabilità genetica individuale fa sì che i nutrienti possano essere assimilati, metabolizzati, accumulati ed escreti in modo diverso: in poche parole, ciascuno risponde alle molecole introdotte nell’organismo e, in generale, agli stili alimentari e di vita, a modo suo.

L’interazione individuale tra genoma e nutrienti, porta quindi alla variazione dell’espressione di geni coinvolti nelle più svariate attività funzionali metaboliche dell’organismo.

La suscettibilità verso disturbi piuttosto che patologie, che può condizionare lo stato di forma psico-fisica e lo stesso stato di salute individuale, legato alle caratteristiche del proprio DNA ed ai polimorfismi a carico dei singoli geni, non deve essere però considerata come la presenza di un ineluttabile destino annidato nel DNA.

Nel DNA non c’è il fato. Infatti il fenotipo che caratterizza ciascun individuo è dato non solo dal suo genotipo (DNA), ma dall’interazione tra quest’ultimo e l’ambiente. L’obiettivo, come dicevamo, è quello della Medicina Personalizzata, ossia di un’alimentazione che tenga conto anche del genotipo: “eat right for your genotype“.

Nutrigenetica e Nutrigenomica - Blog AbanoMed Abano Terme

Nella pratica, con la Nutrigenetica è possibile sviluppare una nutrizione sempre più personalizzata: le potenzialità più affascinanti espresse dall’approccio nutrigenetico riguardano la prevenzione o terapia di alcune patologie cronico-degenerative.

Interventi dietetici basati sulle conoscenze dei fabbisogni nutrizionali, dello stato nutrizionale e del genotipo, possono essere utilizzati per prevenire, migliorare o curare patologie croniche (nutrizione individualizzata). Lo studio del genotipo individuale può fornire quindi al clinico una terapia dietetica, per il singolo individuo, in grado di prevenire o ritardare l’insorgenza di patologie correlate direttamente o indirettamente all’alimentazione.

Mentre da un lato la riduzione ed il controllo dei fattori di rischio restano la pietra angolare di un’azione preventiva, dall’altro è oggi possibile testare individui asintomatici, per identificare quelli a rischio genetico elevato, consentendo così interventi più precoci e mirati, da effettuare prima della comparsa degli stessi sintomi.

Ad oggi, l’indagine di diversi polimorfismi (varianti di uno stesso gene) può riguardare la sensibilità ad alcune sostanze (tra cui alcol, caffeina, solfiti) o l’efficacia dei processi di detossificazione e di attività antiossidante, per fare alcuni esempi.

Insomma, è il nostro stesso genoma che può suggerirci la strada per bilanciare nel modo migliore i componenti della dieta e tutelare la salute.

Nutrigenetica e Nutrigenomica - Blog AbanoMed Abano Terme

Ci sono delle indagini specifiche per capire se si è predisposti a determinate patologie?

La nuova frontiera della biochimica oramai ci ha portato a sviluppare dei metodi di analisi per valutare lo stato di salute del DNA. Queste analisi permettono di capire per esempio se il DNA è ossidato o se protetto dai radicali liberi, se abbiamo predisposizione ad avere le difese immunitarie molto basse e quindi se siamo tendenti allo stress ossidativo.

Il test genomico, che si effettua una sola volta nella vita (sulla base delle conoscenze scientifiche attuali), è lo strumento, dell’odierna scienza medica, che può contribuire a ridurre o prevenire lo sviluppo dei maggiori processi patologici, cercando di mantenere nel contempo al suo livello ottimale, lo stato di forma psico-fisica dell’individuo. Non ci dice se e quando ci ammaleremo, ma, fornendoci preziose informazioni sulla suscettibilità del nostro organismo nei confronti di molteplici condizioni patologiche, ci consente di agire per tempo.

Prevenire è sempre ed indiscutibilmente meglio che curare e riparare al danno, perché significa guadagnare in salute.

Visita specialistica con analisi del profilo costituzionale, test genetici per valutazione del proprio profilo costituzionale, Test Epigenetico, Test Age Reader, Test Bilancia Ossidativa: da oggi anche ad AbanoMed è possibile effettuare test di Nutrigenomica ed Epigenetica. Sei interessato? Chiamaci o richiedici informazioni.

INFO E PRENOTAZIONI:

Centro Medico AbanoMed
Tel. 049 296 9323
mail – info@abanomed.it

SEGRETERIA:

Orario di apertura

– dal lunedì al venerdì 8.30 – 12.30 e 14.30 – 18.30
– sabato 9.00 – 12.00

Orario di segreteria

– dal lunedì al venerdì 9.00 – 12.30 e 15.30 – 18.30
– sabato 9.00 – 12.00